,

Vendite Droni 2017, trend sempre più in crescita

I droni da ormai qualche anno hanno preso campo nel settore dell’hi-tech. Ma il trend è in continua crescita, infatti secondo l’ultimo rapporto NPD ogni anno le vendite si raddoppiano. Negli Stati Uniti il dato è ancora più eclatante: nell’ultimo anno i droni sono aumentati di quasi il 120%.

Vendite Droni 2017: i dati delle vendite

Il 2017 è iniziato col botto per il settore, infatti sono proprio i droni più costosi, ovvero nella fascia sopra i 1000 dollari, a guidare la classifica dei ricavi. Subito dietro invece i dispositivi di fascia media, cioè quelli dai 300 dollari in su. Ma quali caratteristiche hanno i dispositivi più venduti? Innanzitutto devono avere la funzionalità di pilota automatico, una caratteristica molto richiesta per gli amanti di questi velivoli, e quella di follow, ovvero devono essere in grado di seguire le persone.

Quelli equipaggiati con la prima funzionalità hanno vendite 5 volte superiori rispetto a quelli che non la prevedono, mentre quelli in possesso della seconda caratteristica vengono venduti 19 volte più velocemente rispetto agli altri.

C’è un altro dato interessante: durante le festività natalizie del 2016 negli Stati Uniti i droni più venduti sono risultati quelli compresi tra i 50 e i 100 dollari: questo conferma come il trend si sia allargato a macchia d’olio e sia riuscito a sfondare anche nel settore dei giocattoli. In quel periodo infatti i modelli a buon mercato hanno rappresentato il 42% delle vendite americane di droni. Nei mesi precedenti invece questa particolare percentuale era scesa fino al 25%.

Il futuro del drone

A giudicare dai dati il futuro del drone sembra più che roseo: per adesso le vendite infatti promettono ottimi risultati sul medio periodo. Considerando poi che le novità non tarderanno ad arrivare gli introiti potranno essere ancora maggiori. Ad esempio sono attesi i nuovi droni DJI per il NAB 2017 a Las Vegas. Già dalla reazione degli addetti ai lavori si potrà capire molto di più, anche se l’ultima parola spetta come al solito ai consumatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *