in

Si chiama Sophia, ed è il robot “umano”

Si chiama proprio Sophia, ed è il primo vero esempio di robot, paragonato ad un essere umano, che verrà utilizzato nella vita domestica per le sue capacità.

Si chiama Sophia, ed è il robot umano

Sophia, è nata il 19 aprile del 2015, ed è il primo robot senziente della storia, che potrebbe cambiare per sempre il nostro rapporto con l’Intelligenza Artificiale sotto forma di persona. La notizia più interessante è che il modello non è un prototipo, di quelle invenzioni destinate a rimanere dei laboratori degli scienziati.

Entro la fine dell’anno Hanson Robotics e Hiroshi Ishiguro, le due aziende che hanno realizzato Sophie, diranno quando e a quale prezzo la si potrà comprare, per sfruttare nella vita domestica le sue capacità.

Come è realizzato

Sophia
Sophia

Il volto di Sophia è composto da uno speciale surrogato del silicone, che può permettere al robot di emulare più di 62 espressioni facciali. Può esprimere 21 espressioni uniche del viso, ognuna con i suoi micro-cambiamenti.

Dietro i suoi occhi, Sophia ha due piccole telecamere che le permettono di vedere e riconoscere chi si trova di fronte, grazie alla combinazione dell’hardware con il software di alcuni algoritmi informatici.

Inoltre può interagire con chiunque, effettuando un vero e proprio discorso, grazie alla combinazione degli assistenti vocali che abbiamo sullo smartphone, quali Siri, Cortana o Google Now e una tecnologia di Intelligenza Artificiale piò complessa, tipo quella a bordo del supercomputer Watson di IBM.

Proprio con IBM e Intel, Hanson Robotics e Hiroshi Ishiguro hanno intenzione di collaborare, per integrare in Sophia opzioni di interazione aggiuntive.

I robot Sota

I robot Sota
I robot Sota

Hiroshi Ishiguro è anche il nome dietro la vendita dei robot Sota, piccole meraviglie hi-tech in grado di riconoscere la voce e i comandi delle persone per simulare una vera conversazione. Attualmente vengono utilizzati da scuole e privati, per migliorare l’apprendimento dell’inglese da parte dei giapponesi, ma è una funzione davvero limitata.

Il prezzo di Sota è di circa 500 dollari e in Giappone la NTT, telco tra i più importanti al mondo, ha già pensato di inviarne, con un piccolo contributo, agli anziani, così da supportarli nella loro quotidianità, seppur solo attraverso la voce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Serie tv autunno 2016: tutte le novità da non perdere

Los Angeles Lakers sono al primo posto nella classifica NBA su Twitter