in ,

Messenger Day: Facebook “copia” Snapchat

Snapchat Stories e Messenger Day: due nomi che identificano più o meno lo stesso servizio. Sì, perché Facebook controlla da vicino le funzionalità di Snapchat e, visto che ottengono notevoli performance, le ripropone anche sulla propria piattaforma. L’unica differenza è il Paese in cui viene lanciato per un test: la Polonia, ovvero una zona in cui Snapchat è poco diffuso se non assente.

Messenger Day: cos’è e come funziona

Avete dimestichezza con Snapchat? Se la risposta è affermativa potete anche fermarvi nella lettura, ma se la risposta è negativa ecco per voi tutti i dettagli. Messenger Day, in sostanza, è un servizio che permette ai propri utenti di condividere foto e video personalizzati con dei filtri e che scompaiono dal database della piattaforma in 24 ore. È possibile anche aggiungere del testo alle immagini, oppure disegnarlo.

L’unica differenza di Messenger Day con le Snapchat Stories è la possibilità di inserire filtri grafici a temi e non limitati a feste ed eventi come i geofilters. Compariranno tante finestre in alto, come ad esempio “Mi sento…”, che permetteranno agli utenti di condividere immagini accattivanti anche senza essere dei creativi. Un motivo in più per per stimolare gli utenti a creare e condividere.

Ma non solo questo. Facebook possiede anche Instagram, il vero e concreto competitor di Snapchat, quindi l’introduzione di Messenger Day potrebbe anche essere visto come la volontà di arrestare la crescita del rivale andando ad offrire un servizio simile all’interno di una piattaforma entrata ampiamente nelle abitudini delle persone.

Concorrenza sleale? Non crediamo, ma solo una grande capacità di reazione e di adattamento alle modifiche e alle sollecitazioni del mercato. Perché Facebook è la prima piattaforma in termini di utilizzo, di utenti e quant’altro e non vuole assolutamente perdere terreno. Né per sé stessa, né per le sue aziende (vedi Instagram)

Adesso la parola a voi…che cosa pensate di questa mossa? Scrivetelo nei commenti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

draw-my-life

Draw my life, il libro cult per disegnare la propria vita

Da Snake a Slither, l’evoluzione in chiave social del serpentino