,

Merchandising Netflix: in arrivo gadget, abbigliamento, giocattoli e libri

Un vero e proprio Merchandising Netflix: è questo quello che ci aspetta nei prossimi mesi, dato che l’azienda sembra aver deciso di commercializzare libri, giocattoli, abbigliamento e altri accessori ispirati ad alcune delle serie tv più famose e seguite. La notizia è stata data in maniera un po’ criptica, infatti in un’offerta di lavoro sul sito ufficiale dell’azienda viene ricercata un “merchandising and promotion manager“.

Merchandising Netflix: quale obiettivo?

Le serie tv per molti non sono semplicemente una sommatoria di puntate in cui si narra una storia con un inizio e una fine. Sono molto di più, sono dei veri e propri fenomeni culturali che permettono alle persone che le seguono di riportare nella loro realtà quotidiana una parte di quella storia. Una commistione, dunque. E quale miglior veicolo se non l’acquisto di oggetti e accessori a tema? Il Merchandising Netflix ha dunque un preciso obiettivo, ovvero quello di “amplificare l’entusiasmo degli spettatori intorno a titoli chiave”.

Stiamo premendo su prodotti di questo tipo e sulla promozione perché crediamo possa essere un modo per interagire con i nostri contenuti più popolari – si legge all’interno dell’annuncio – Vogliamo che questi prodotti rendano a lungo l’idea dello spirito del tempo in cui viviamo. Inoltre, mercato e promozione saranno usati come strategia per andare incontro alle richieste dei membri della nostra community“.

Una strategia, quella legata al Merchandising Netflix, che ricorda molto da vicino un’altra azienda specialista in questo settore, ovvero la Walt Disney Company e che permetterà a Netflix di aumentare le opportunità di guadagno. Così facendo, infatti, i fan sono già affezionati alla loro serie tv e sarebbero molto più propensi ad acquistare gadget ufficiali del proprio personaggio preferito, mentre chi ancora non si è avvicinato a questo mondo può essere attratto in un modo diverso e piacevole.

La risposta, come sempre, ce l’avranno i numeri ed i dati di vendita e di fatturato. Adesso non resta che attendere, con la consapevolezza però che l’idea è sicuramente brillante.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *