, , , , ,

Intervista a Lercio, la satira intelligente che fa riflettere sul giornalismo web

Mock Journalism, ovvero l’arte di inventarsi delle notizie false al fine di stimolare la riflessione e lo spirito critico su quelle vere, andare a scoprire la bassa qualità d’informazione in modo intelligente e astuto, sono alcuni degli obiettivi di Lercio (www.lercio.it), sito satirico e fenomeno dalla sua nascita sul web.

Attualmente conta oltre 900.000 fan su Facebook e oltre 210.000 fan su Twitter, oltre a essere stato pluripremiato ai Macchianera Italian Awards e come miglior sito di satira politica.

intervista-a-lercio

Oggi, abbiamo avuto il piacere di fare una chiacchierata con il team di Lercio, per capire alcuni aspetti di tale tendenza:

1. Come nasce Lercio e cosa ha caratterizzato il vostro successo?

Lercio nasce come parodia di Leggo.it e, più in generale, dell’informazione 2.0 pruriginosa, sensazionalista e, spesso, fin troppo frivola. Probabilmente il nostro successo è dovuto al fatto che, almeno sul web, non c’era niente di simile a Lercio, quindi, in un certo senso, siamo andati a riempire un posticino ancora vuoto. A noi, però, non piace parlare di successo: siamo ragazzi semplici che restano coi piedi per terra e nascondono i rolex ogni volta che vengono intervistati.

 

2. Uno dei vostri obiettivi è anche scherzare sulla spesso bassa qualità dell’informazione giornalistica online?

Esatto, ma abbiamo anche altri obiettivi: diffondere in Italia la cultura del mock journalism, stimolare nei lettori una riflessione critica nei confronti della società e firmare autografi mentre facciamo la spesa al Carrefour.


3. Qual è il vostro rapporto con i Social Media, quanto contano per Lercio?

I social media per noi sono fondamentali: senza, infatti, non avremmo mai subito tutti quei ban.

 

4. Qual è stata la vostra notizia fake più riuscita? Quella più assurda, presa per sbaglio come fonte dai giornali online?

Scegliere la notizia “più riuscita” di Lercio è molto difficile. Se parliamo invece della notizia più assurda che ha tratto in inganno moltissimi giornali, non abbiamo dubbi: quella che parlava dell’ormai famosissima onlus “Dribbla la povertà“.


5. Avete mai ricevuto critiche da personaggi/politici protagonisti delle vostre esilaranti news?

Spessissimo (Povia vale come personaggio famoso oppure c’è un limite di q.i.?).

 

6. Nuovo Governo Gentiloni: un titolo alla Lercio potrebbe essere?

Lavoro, pronto piano da 4 miliardi. Gentiloni: “Ora mancano i 4 miliardi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *