, ,

Con Google la realtà virtuale aiuta la storia naturale

Finalmente la storia naturale troverà un suo alleato nella realtà virtuale: il progetto si chiama Google Arts & Culture ed è stato realizzato dal colosso di Mountain View, più precisamente dal Google Cultural Institute, insieme ad altre cinquanta istituzione legate al settore e provenienti da ogni parte del mondo.

 

Un progetto partito nel 2011 e che oggi vede la sua realizzazione definitiva. Questa nuova sezione, dedicata interamente alla Storia Naturale, racchiude al suo interno una mole di dati e nozioni impressionanti. Tanto per citarne alcuni: 150 mostre digitali che hanno visto i massimi esperti del settore (biologi, paleolontogi, ec…) all’opera, 300mila foto e video e anche 30 tour virtuali alla scoperta di animali estinti e altre specie poco conosciute.

Google e la realtà virtuale: uno spazio di archiviazione

L’intento di Google è chiaro: attraverso la tecnologia e la realtà virtuale cerca di archiviare la realtà fisica. Basti pensare ai precedenti lavori svolti con Street Art e Google Street View.

Lo scopo è di dare vita alla versione più scientificamente accurata e realistica di queste creature in realtà virtuale“, questa la versione di Luisella Mazza, Head of Country Operations.

La sezione Google Arts & Culture avrà al suo interno numerose gallerie fotografiche, video a 360° e visite virtuali con la tecnologia Street View. Un mix di tool che permetterà all’utente di addentrarsi come se fosse in loco all’interno di alcuni dei musei e delle accademie più importanti del mondo. Sarà possibile visitare i luoghi a tema di Istanbul, Parigi, Los Angeles e molte altre città.

Per quanta riguarda l’Italia le collezioni a disposizione sono relative a:

Perché Google crea queste piattaforme?

Google, per sua natura, è estremamente interessato al futuro, alla tecnologia che verrà e quant’altro. Ma il futuro è composto principalmente dal passato, da quello che abbiamo fatto e da dove proveniamo. Mettere in piedi una piattaforma del genere va proprio in questa direzione: memorizzare e mettere in salvo il nostro passato per prepararsi al meglio alle sfide che il futuro ha già in serbo per noi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *