in

Gigabyte con la sua nuova GPU GTX 1080 raffreddata a liquido

Gigabyte è pronta per la sua scheda video GTX 1080, con il nuovo sistema di raffreddamento a liquido. Andiamo a vedere le sue caratteristiche

Gigabyte con la sua nuova GPU GTX 1080 raffreddata a liquido

Gigabyte ha presentato la GTX 1080 Xtreme Gaming Waterforce WB 8G, una nuova scheda video per appassionati delle alte prestazioni e delle basse temperature, grazie al nuovo sistema di raffreddamento.

Gigabyte GTX 1080
Gigabyte GTX 1080

La scheda è infatti dotata di un waterblock in rame che copre l’intero circuito stampato, peraltro personalizzato per offrire non solo l’overclock di fabbrica ma anche ulteriore margine per aumentare le frequenze in caso di necessità.

Specifiche tecniche

Andiamo a vedere le specifiche tecniche, confrontando anche le altre schede video rivali.

Modello

Gigabyte GTX 1080 Xtreme Gaming Waterforce WB 8G
GeForce GTX 1080 Founders EditionGeForce GTX 1070 Founders Edition
GPUGP104GP104GP204
CUDA cores2.5602.5601.920
clock GPU1.759 MHz – Gaming mode
1.898 MHz – OC mode
1.607 MHz1.506 MHz
boost clock GPU1.784 MHz – Gaming mode
1.936 MHz – OC mode
1.734 MHz1.683 MHz
ROPs646464
TMU160160120
clock memoria10.008 MHz10.008 MHz8.000 MHz
dotazione memoria8 Gbytes8 Gbytes8 Gbytes
bandwidth memoria320 GB/s320 GB/s256 GB/s
architettura memoriaGDDR5XGDDR5XGDDR5
bus memoria256bit256bit256bit
alimentazione8pin8pin8pin

La GPU Nvidia GP104 sotto il waterblock è stata impostata da Gigabyte a 1759 / 1898 MHz, frequenze decisamente più alte di quelle riferimento, pari a 1607 / 1733 MHz.

Tali frequenze però valgono per la modalità “gaming”, in quanto in modalità OC la GPU passa a ben 1784 / 1936 MHz.

Frequenze davvero alte e probabilmente superabili manualmente, ma ciò che conta di più, almeno sotto il profilo gaming, è il livello di frequenza medio a cui opera il core grafico.

È un parametro che bisogna vedere sul campo, in quanto influenzato sia dal carico che dalla temperatura.

Design

La scheda ha la stessa dimensione e design della versione Founders Edition, con l’unica eccezione rappresentata dalla lunghezza che è superiore di circa 1 cm per via delle dimensioni del sistema di raffreddamento.

Al pari della Founders Edition la parte posteriore del PCB è completamente ricoperta da una placca metallica che non aiuta a dissipare il calore prodotto dai componenti ma li protegge da eventuali contatti con altre periferiche presenti nel sistema.

Nella parte superiore della scheda sono i LED, che possono essere programmati attraverso un apposito tool da sistema operativo, XTREME Engine, così da poter adattarne il colore in funzione delle preferenze personali dell’utente.

Questo tool permette anche di configurare le frequenze di clock di GPU e memoria, oltre ad intervenire sulla modalità di intervento delle ventole del sistema di raffreddamento: l’impostazione dei parametri è chiara e semplice e permette di ottenere qualcosa di più in termini di prestazioni velocistiche rispetto alle impostazioni di serie

Il nuovo sistema di raffreddamento WindForce 3X

Gigabyte GTX 1080 Xtreme Gaming Waterforce WB 8G
Gigabyte GTX 1080 Xtreme Gaming Waterforce WB 8G

ll sistema di raffreddamento WindForce 3X è composto da una solida struttaura dissipante, con i due radiatori collegati tra di loro da heatpipes.

Le 3 ventole utilizzano un design peculiare delle alette, con la superficie che vede profili alternati che assicurano un incremento della portata sino al 23% rispetto a ventole dal design tradizionale.

Le ventole rimangono ferme quando la scheda viene utilizzata in ambito 2D, quindi nel desktop di Windows e con applicazioni che non fanno utilizzo della potenza di calcolo della GPU; nel momento in cui viene richiesta superiore potenza le ventole iniziano a ruotare, variando la propria velocità a seconda del tipo di carico di lavoro richiesto e della temperatura raggiunga dalla GPU.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tsmc

Buone notizie per TSMC grazie ai chip A10

Una serie di sfortunati eventi, in arrivo il 13 gennaio 2017