,

“Fuocoammare” nominato agli Oscar 2017, candidato per il premio al Miglior documentario

Il film di Gianfranco Rosi prima tra i candidati al premio per il Miglior film straniero, poi escluso a una successiva selezione e ora nominato per l’Oscar 2017 come Miglior documentario.

Durante l’evento organizzato per comunicare le nomination agli Oscar 2017, è uscito Fuocammare tra le candidature e nella notte di Hollywood concorrerà al premio per Miglior documentario.

Fuocoammare è uscito nel 2016 e racconta l’isola di Lampedusa e lo scorso febbraio aveva già vinto l’Orso d’oro al Festival del cinema di Berlino.

Gianfranco Rosi durante le riprese
Gianfranco Rosi durante le riprese

 

Entriamo più nel dettaglio di Fuocammare

Fuocammare è stato girato sull’isola di Lampedusa da Gianfranco Rosi e racconta due punti di vista differenti: quello di chi è nato e cresciuto sull’isola, gli abitanti del luogo e quello di chi è stato costretto a metterci piede dove aver attraversato il mare, i migranti.

I protagonisti sono un ragazzino di nome Samuele, di cui Rosi racconta le giornate tra scuola, pesca e famiglia, e il dottor Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa che negli ultimi anni si è trovato ad affrontare in prima persona tutti i problemi sanitari dei migranti che arrivano sull’isola.

Il documentario racconta le storie dei coraggiosi abitanti che si trovano ad essere testimoni da più di 20 anni di una tra le più grandi tragedie umane dei nostri tempi, quella dei migranti.

Gli altri documentari nella cinquina degli Oscar

Gli altri candidati, nella stessa categoria, agli Oscar 2017 sono: I am Not Your Negro, che parla del razzismo nell’America di oggi, l’epico O.J.: Made in America, che documenta la vita e il processo di O.J. Simpson, il noto giocatore di football accusato di aver ucciso l’ex moglie, poi assolto, il documentario 13th, sulla percentuale elevata di afro-americani in carcere, e Life, Animated, sui film della Disney che aiutano a comunicare con un giovane autistico.

È la seconda volta che un documentario italiano arriva alla Cinquina degli Oscar. La prima, fu con La Grande Olimpiade nel 1962 di Romolo Marcellini, il film che celebrava i Giochi del ‘60 a Roma. Una storia di successo italiana e il film era prodotto dall’Istituto Luce.

Anche il progetto Fuocoammare è nato al Luce, e grazie ad altri coraggiosi e appassionati come: Rai Cinema, 21Uno Film, Stemal Entertainment di Donatella Palermo, i francesi Les Films d’Ici e ARTE, e il MiBACT, è arrivato a viaggiare dall’altra parte dell’oceano, attirando l’attenzione di tanti sguardi.

La cerimonia di premiazione dell’89esima edizione degli Oscar 2017 si terrà domenica 26 febbraio al Dolby Theatre di Los Angeles. Rosi ha portato Lampedusa a Hollywood e noi saremo lì a tifare per lui.

Fuocoammare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *