, ,

Facebook Stories, arrivano in fase di test, copiando Instagram e Snapchat

Le novità in ambito social non finiscono mai. Soprattutto in casa Facebook.
Abbiamo assistito questa settimana, precisamente il 24 gennaio, all’ introduzione delle Dirette Live su Instagram su Instagram Stories, funzionalità è stata introdotta con il nuovo aggiornamento 10.0 del visual social network.

Oggi, il colosso Facebook ha iniziato a testare sull’app mobile di Facebook le Facebook Stories. Sembra infatti che il social network più popolare al mondo voglia nuovamente raggiungere, tramite le sue novità, un pubblico di giovanissimi e di conseguenza attirare l’attenzione della community fidelizzata a Snapchat.
Ancora una volta, non assistiamo a una nuova funzionalità ma a qualcosa che è già passato sui nostri schermi.  Aumentando le somiglianze tra i social media, si rischia però non aggiungere valore ai propri utenti, rischiando forse un boomerang negativo.

facebook stories

Per ora, la funzionalità è in fase di test in Irlanda, dedicata infatti solo a un pubblico mirato e selezionato di utenti iscritti a Facebook. Successivamente le Facebook Stories saranno integrate per tutti i dispositivi iOS e Android a tutti gli utenti.

Come funzionano Facebook Stories?

Attraverso la fotocamera dell’applicazione di Facebook, si scatta una foto o video, si ha la possibilità di aggiungere filtri simpatici o adesivi o testi e successivamente si potrà pubblicare la propria Storia a tutti gli amici o solo ad alcuni amici selezionati.

Altra opzione simile a Snapchat e Instagram? Le Facebook Stories potranno essere visibili sono per 24 ora. Una volta raggiunta la soglia, saranno eliminate.

Da Business Insider, il portavoce di Facebook, in relazione a tale introduzione afferma:

Oggi è tutto molto più visuale, con più foto e video rispetto al passato. Vogliamo che sia veloce e divertente per le persone condividere foto e video in modo creativo con chiunque vogliono e quando lo vogliono. Le Storie sono un altro esempio di come vogliamo aiutare le persone a condividere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *